Disabili utenti o datori di lavoro… o tutti e due?

Tutti abbiamo bisogno degli altri per vivere compiutamente la nostra vita, ma nel caso di molti disabili il bisogno è maggiore e diventa dipendenza. Quindi nella vita di queste persone ne entrano delle altre in funzione di aiuto e, fin quando le cose funzionano e c’è armonia, va tutto bene. Ma quando iniziano i problemi, uno dei due protagonisti, il disabile o l’operatore, incomincia ad andare in sofferenza. Cosa accade in quel frangente?

Cosa succede se il disabile, che può essere vittima o carnefice, non è solo l’assistito ma anche il datore di lavoro dell’altra persona? Come farà a dirimere la questione con sufficiente imparzialità e distacco?

Probabilmente non ci riuscirà e se vorrà farlo dovrà chiedere l’aiuto di qualcuno… aiuto che sarebbe sicuramente stato meglio avere a disposizione fin dall’inizio.

Per questo motivo, nel rapporto di assistenza e di lavoro tra disabile e operatore, quasi sempre è necessario che la figura dell’assistito e del datore vengano separate, per garantire una maggiore continuità nel tempo e soprattutto che i momenti di difficoltà vengano superati senza rotture traumatiche per nessuno.

Articolo a cura di Claudio Fontana

One Reply to “Disabili utenti o datori di lavoro… o tutti e due?”

  1. daniele

    Così però viene meno il ruolo della persona disabile e la sua autodeterminazione. Il lavoratore così dipenderà e si relazionerà con il delegato che gestisce il progetto di vita indipendente e la persona disabile rischia di essere scavalcata e considerata marginale dal lavoratore. Concordo che essere datore e utente contemporaneamente non è facile e può creare conflitti d’interesse, ma non sono sicuro che fare gestire ad una figura terza il rapporto utente assistente porti molti benefici. Io ho provato entrambe la situazioni

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *