NON UNA DI MENO

La Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne è una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999.

L’assemblea dell’ONU ha scelto il 25 novembre come data della ricorrenza e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica in quel giorno, quindi potevamo noi come cooperativa sociale e soprattutto come singoli individui che sperano ogni giorno nel progresso di questa società, rimanere in silenzio?

ASSOLUTAMENTE NO.

NON UNA DI MENO

E’ stata l’ONU a scegliere questa data in ricordo del sacrificio delle sorelle Mirabal, attiviste del Movimento 14 Giugno, un gruppo politico clandestino dominicano che si opponeva alla dittatura di Rafael Leónidas Trujillo ed è proprio in Sud America che nel 2015 è nato il movimento femminista NI UNA MENOS – NON UNA DI MENO che si batte per i diritti delle donne , specialmente contro la violenza che drasticamente si trasforma in femminicidio.

Fortunatamente il campanello d’allarme, per questo problema che esiste sin dalla genesi dell’essere umano, si è acceso, insieme ad esso anche una sirena che giorno dopo giorno diventa sempre più forte.
Nonostante ciò è ancora una grande piaga del nostro secolo, lo dimostrano i media ma anche i dati statistici, ed è proprio su quest’ultimi che dovremmo soffermarci.

NUMERI PREOCCUPANTI

Secondo le indagini Istat risalenti al 2015 moltissime donne sono state vittime nel corso della loro vita vittime di almeno un episodio di violenza, tra le quali il 65% è disabile.
Ancora più recenti e specifici sono i dati dell’indagine VERA (Violence Emergence, Recognition and Awareness): oltre il 60% sono con disabilità motoria, il 17,4% con disabilità plurima, il 12,3% con disabilità sensoriale e l’8,7% con disabilità intellettiva, relazionale, psichiatrica o dell’apprendimento.

Oltre alla paura, alla mancanza di informazione e tutto ciò che può far scaturire un atto così disumano, tra le donne disabili un fattore ancora più delicato è la necessità di assistenza che potrebbe essere affidata ad aguzzini dai quali devono dipendere e la scarsità di centri antiviolenza non sempre preparati a gestire anche l’handicap.
Quindi al grido “NON UNA DI MENO”, incoraggiamo prima di tutto le donne a farsi sentire denunciando il proprio aggressore. Fortunatamente gli enti ai quali rivolgersi sono sempre più affidabili e pronti a gestire
le varie situazioni.

NON SEI SOLA

La realtà più sicura è la Rete D.i.Re, a cui aderiscono centri antiviolenza in tutta Italia. Li si può contattare telefonicamente o recarvisi di persona: sono elencati e collocati su un’apposita pagina web comecitrovi.women.it, con indirizzi, caratteristiche delle associazioni e attività svolte. Si tratta di centri che sono e che lavorano in collaborazione con esso.
Esiste inoltre un’app gratuita che, grazie alla geolocalizzazione, spedisce aiuo immediato tramite informazioni e riferimenti che connettono direttamente con i centri antiviolenza più vicini.
Incoraggiamo anche ognuno di voi, NESSUNO ESCLUSO, a non essere omertosi e ad essere sempre allerta ad ogni possibile grido o silenzio d’aiuto.

“La violenza è un sintomo di impotenza e codardia”.
A.Nin (scrittrice statunitense)

Articolo a cura di Lavinia Fontana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *