Buongiorno, viaggiatori!
Prosegue il nostro reportage fotografico dal nostro viaggio nelle terre siciliane!
E dopo ever visto Catania, ci siamo recati verso Nord per visitare le caratteristiche Aci Trezza ed Aci Castello!

Si narra che Aci Castello e le altre Aci traggano la propria origine da Xiphonia, misteriosa città greca scomparsa, probabilmente oggi in comune di Aci Catena. I poeti Virgilio e Ovidio fecero nascere il mito della fondazione dalla storia d’amore tra una ninfa chiamata Galatea ed un pastorello chiamato Aci, ma anche dal ciclope Polifemo (a sua volta innamorato della bellissima Galatea). In epoca romana esisteva una città chiamata Akis, che partecipò alle guerre puniche. Durante il periodo medioevale la zona prese in nome di Jachium, mente sotto la dominazione araba divenne Al-Yag.

Sul lungomare di Aci Trezza

Il Castello di Aci. L’origine di questa fortificazione arroccata sul mare è ancora incerta. Fu il fulcro dello sviluppo del territorio delle varie cittadine nella zona di Aci nel medioevo. Durante i Vespri siciliani, fu assoggettato alla signoria di Ruggero di Lauria, quindi in epoca aragonese fu di Giovanni di Sicilia ed infine degli Alagona venendo più volte assediato. Attualmente è sede di un museo civico.

I Faraglioni dei Ciclopi di Aci Trezza: si tratta di otto pittoreschi scogli basaltici che, secondo la leggenda, furono lanciati da Polifemo ad Ulisse durante la sua fuga.

Uno degli otto Faraglioni dei Ciclopi e, affianco, l’isola Lachea, identificata con l’omerica isola delle Capre, dimora di Polifemo e che attualmente ospita la sede di una stazione di studi di biologia dell’Università degli Studi di Catania. Tutta l’area è riserva marina dal 2004.

E dopo aver scattato qualche altra foto ai faraglioni è ora di tornare in albergo… perché domani si va sull’Etna!

Buongiorno, viaggiatori!
Mentre i nostri colleghi si trovano nel lontano paese del Sol Levante, noi abbiamo deciso di andare in un posto un po’ più vicino, ma altrettanto stupendo: la meravigliosa isola a tre punte, detta Trinacria, ovvero la grande Sicilia!

Il vento freddo che ha imperversato al Centro-Nord in questi giorni ci ha fortunatamente risparmiati e ci siamo potuti godere il dolce sole primaverile!

Ecco, dunque qualche foto che abbiamo scattato durante la nostra visita alla città di Catania!

Ed eccoci qua, pronti ad esplorare Catania!

Questo è il Teatro Massimo Vincenzo Bellini, il centro della rappresentazione dell’opera di Catania. Progettato dall’architetto Andrea Scala con l’assistenza dell’architetto milanese Carlo Sada, venne inaugurato il 31 maggio 1890 con l’opera Norma del compositore catanese Vincenzo Bellini.

Una delle carrozze utilizzate per la tradizionale festa di sant’Agata, la più importante festa religiosa della città di Catania. Si celebra in onore della santa patrona della città e si svolge tutti gli anni dal 3 al 5 febbraio, il 12 febbraio e il 17 agosto. La ricorrenza di febbraio è legata al martirio della Santa catanese, mentre la data di agosto ricorda il ritorno a Catania delle sue spoglie, dopo che queste erano state trafugate e portate a Costantinopoli dal generale bizantino Giorgio Maniace quale bottino di guerra e dove rimasero per 86 anni.

Non manca il verde, nemmeno nel centro storico! Ecco gli alberi davanti a Villa Bellini!

Il palazzo dell’Università degli Studi di Catania, fondata nel 1434 e tra le maggiori in Italia per numero d’iscritti. È la più antica università della Sicilia, la tredicesima in Italia e la ventinovesima al mondo.

La sera in albergo siamo certamente stanchi per la giornata intensa, ma abbiamo dei comodi letti di una spaziosa camera d’albergo ad attenderci! Domani si va a vedere Aci Castello!

Buongiorno, viaggiatori!
Ci troviamo attualmente in viaggio nello splendido Paese del Sol Levante: il Giappone!

Un paio di giorni fa ci siamo recati a Nara (奈良市), che è stata l’antica capitale del Giappone dal 710 al 794. Ovviamente una visita al famosissimo tempio  Tōdai-ji (東大寺), patrimonio dell’UNESCO, non poteva certo mancare! 

Abbiamo anche potuto incontrare delle persone che indossavano i tradizionali kimono, sia maschili che femminili:

Qui invece siamo davanti all’imponente porta del tempio Tōdai-ji!

Il tempio contiene più grande costruzione in legno del mondo, la Sala del Grande Buddha (大仏殿), con un frontale alto 57 metri e profondo 50. All’interno della sala si trovano il Daibutsu (大仏), ossia “Grande Buddha”, una colossale statua in bronzo del Buddha alta 14 metri, e la “Lanterna Ottagonale“, alta quasi 5 metri. L’edificio, con una larghezza di otto arcate di pilastri (ossia appunto 57 metri), è un terzo più piccolo del tempio originale che ne comprendeva dodici.

Nel cortile del tempio, i cervi pascolano liberamente perché considerati messaggeri divini nella religione Shinto. Sono abituati a stare a contatto con i visitatori, quindi se si ha fortuna, i meno timidi si fanno anche nutrire ed accarezzare!

E per finire, quale posto migliore per godersi la serata, se non l’Hard Rock Cafè?

LA STORIA DI CONCRETE

Siamo nati dall’idea di fornire servizi e opportunità alle persone disabili, agli anziani e in generale alle persone svantaggiate in una maniera CONCRETA, semplice e realmente vicino ai bisogni di ciascuno.

Tutti devono avere opportunità di vivere al meglio la vita di tutti i giorni, lavoro, tempo libero, affetti, viaggi.

Noi stiamo cercando da 12 anni di farlo con azioni semplici ma incisive, stando vicini alle persone, tutti i giorni e cercando di aiutarle a soddisfare le loro aspirazioni, i loro desideri.

Questo vale non solo per coloro che beneficiano dei nostri servizi, ma anche per i nostri soci, per quelli che lavorano con noi, per i nostri dipendenti.

Per questo ci occupiamo di vita indipendente, di mobilità, di viaggi e l’esperienza che facciamo con gli “svantaggiati”, quindi con coloro per i quali è più difficile operare, la mettiamo a disposizione di tutti.

I nostri servizi quindi diventano per tutti, trasporti per tutti viaggi per tutti, lavoro per tutti.

E’ difficile rendere questi concetti in poche parole e soprattutto far capire quanto sia reale quello che diciamo, che non sono soltanto parole… per capire bisogna provare i nostri servizi, i nostri viaggi, lavorare con noi

Claudio Fontana
Socio Fondatore