Articoli

Quanti di noi, pensando ai carcerati, hanno mai pensato che dietro quelle sbarre potrebbero esserci anche dei disabili? Quanti di noi hanno realizzato di non averci mai pensato, ma che effettivamente esiste anche questa realtà?

Ricordandoci che la disabilità può essere di tante tipologie, da quella fisica a quella mentale, nel 2017, l’1 % dei carcerati in Italia è diversamente abileLe condizioni delle carceri italiane sono sempre state un tema rovente da trattare, a causa delle condizioni di sovraffollamento e precarie delle strutture stesse, in questo caso per un disabile la pena diventa quindi “doppia”.

La giornalista dell’Espresso, Arianna Giunti, nel 2017 ha provato ad indagare sulle problematiche legate alla detenzione dei disabili a causa dei continui attentanti di suicidio da parte di costoro, dichiarando che “Sono detenuti che non hanno una famiglia o persone che possano garantire loro un domicilio alternativo al carcere, e che quindi devono rimanere a scontare la propria condanna – anche quando minima – fra le mura carcerarie inadatte ad accoglierli. Ad aggravare il problema, poi, c’è la carenza cronica di strutture sanitarie. Si contano sulle dita di una mano, soprattutto quelle per pazienti affetti sia da disabilità fisica che da patologie mentali.
Per altri, invece, il problema è a monte: il Tribunale di sorveglianza respinge le istanze di scarcerazione, anche di fronte a condizioni cliniche oggettivamente gravi. E allora il detenuto si ritrova a dover scontare la propria condanna in condizioni precarie, aggravando la propria salute.”

Inoltre, la giornalista, analizza la situazione italiana informandoci che “Esiste però un unico carcere in tutto il Paese (Parma) privo di barriere architettoniche. Tutti gli altri sono inadeguati. Basti sapere che in tutto San Vittore si conta una sola cella senza scalini e con porte abbastanza larghe da ospitare detenuti su sedia a rotelle. Poi si arriva ai paradossi. Perché alcuni penitenziari vantano invece reparti modello adatti ai disabili, ma mai utilizzati. Come Busto Arsizio (Varese), dove un reparto nuovo di zecca attende ormai da cinque anni di essere inaugurato.”

Nonostante queste condizioni sgradevoli, lo scorso anno si è concluso in Umbria il primo corso di base formativo per “detenuti assistenti di persona”, un progetto sperimentale sviluppato nella Casa Circondariale di Terni e dedicato alle persone in regime di detenzione, che si è rilevato di grande interesse e di utilità vista l’alta adesione dei partecipanti.

Lo scopo di questo progetto è di educare carcerati al ruolo di caregiver, ossia, una figura professionale formata per offrire un servizio di assistenza, supporto e primo soccorso alla persona affetta da qualunque tipologia di disabilità.

Questo progetto, non solo ha portato cambiamenti notevoli nella qualità di vita dei disabili in cella che hanno potuto avere questo sussidio, ma è stato principalmente una grande esperienza di formazione e di “redenzione” per i carcerati che hanno potuto coprire questo ruolo.

Quindi sfatiamo il mito pessimista che dice “Più dai, meno ricevi”, in questo caso abbiamo un grande esempio di come, chiunque, anche le persone che hanno perso la speranza di potersi riscattare nella società perché si sono macchiati di qualche colpa, possono rinascere e cambiare grazie all’aiuto che loro mettono al servizio dei compagni di cella più in difficoltà.

– articolo a cura di Lavinia Fontana

 

Tutti abbiamo bisogno degli altri per vivere compiutamente la nostra vita, ma nel caso di molti disabili il bisogno è maggiore e diventa dipendenza. Quindi nella vita di queste persone ne entrano delle altre in funzione di aiuto e, fin quando le cose funzionano e c’è armonia, va tutto bene. Ma quando iniziano i problemi, uno dei due protagonisti, il disabile o l’operatore, incomincia ad andare in sofferenza. Cosa accade in quel frangente?

Cosa succede se il disabile, che può essere vittima o carnefice, non è solo l’assistito ma anche il datore di lavoro dell’altra persona? Come farà a dirimere la questione con sufficiente imparzialità e distacco?

Probabilmente non ci riuscirà e se vorrà farlo dovrà chiedere l’aiuto di qualcuno… aiuto che sarebbe sicuramente stato meglio avere a disposizione fin dall’inizio.

Per questo motivo, nel rapporto di assistenza e di lavoro tra disabile e operatore, quasi sempre è necessario che la figura dell’assistito e del datore vengano separate, per garantire una maggiore continuità nel tempo e soprattutto che i momenti di difficoltà vengano superati senza rotture traumatiche per nessuno.

Articolo a cura di Claudio Fontana

Dietro una parola c’è un mondo condensato e spesso la sintesi non aiuta la comprensione.

Si fa presto a dire “disabile” ma quante e quali differenze esistono, convivono, bisticciano in questo termine.

Ad esempio, per noi che ci occupiamo di turismo quante volte ci siamo trovati a chiedere di una camera adatta alle persone con disabilità e ci sono state proposte soluzioni di una diversità sconcertante: in alcuni paesi il disabile è per definizione al massimo paraplegico, atletico e single, altrimenti non si spiegherebbero il letto singolo appunto, la vasca da bagno e le dimensioni ridotte della stanza.

Oppure provate a mettere insieme un paraplegico con una buona autonomia di spostamento, che guida l’auto e che va in bagno da solo con una persona con una sclerosi multipla avanzata che, se ancora non lo costringe a letto, gli impedisce di compiere in autonomia praticamente tutti gli atti della vita quotidiana come mangiare, bere, andare in bagno, coricarsi, vestirsi: il primo entrando in contatto con il secondo scoprirà un mondo e un modo di vivere a lui sconosciuto.

Ma allora esistono diversi tipi di disabilità, ci sono disabili più abili e disabili meno abili o più disabili?!

Certamente sì.

Per noi che ce ne occupiamo tutti i giorni e che incontriamo nella nostra attività la maggior parte, per non dire tutte, le declinazioni della disabilità, il concetto è molto chiaro.

Provate però a chiederlo a molti progettisti, a certi politici e talvolta ad alcuni medici: per molti di loro esistono o delle categorie astratte, o soltanto coloro con i quali sono venuti in contatto.

Persino molti disabili non si rendono conto che accessibilità non è soltanto barriera architettonica, oppure un ostacolo di tipo sensoriale o cognitivo e soltanto pochi riescono ad avere veramente un approccio, un metodo che porti al superamento delle disabilità qualsivoglia siano.

Ed è proprio questo che vogliamo significare, superare la disabilità significa si cercare di eliminare quanti e più ostacoli ci sono, fornire quanti più aiuti possibili, ma soprattutto, siccome non si può prevedere tutto, avere la mente pronta ad adattarsi a situazioni e persone le più diverse, a personalizzare il nostro approccio, dal generale al particolare, sempre. O quasi.

– articolo a cura di Claudio Fontana

LA CITTÀ CHE NON DORME MAI

dal 20 al 26 luglio 2017

7 giorni, 6 notti

Londra è la città più cosmopolita d’Europa, un tempo capitale del più vasto Impero mai esistito nella storia, oggi forse un po’ decadente ma di un fascino irresistibile.

Quello che trovate sotto è un programma di massima, perché i nostri viaggi sono sempre molto “elastici” e adattati alle esigenze dei singoli componenti del gruppo.

Facciamo notare come si potranno anche studiare partenze da località diverse con la possibilità che l’accompagnatore arrivi in loco per assistere la persona anche durante il tragitto aereo.

Se qualcuno avesse particolari interessi e località da visitare lo segnali in precedenza in modo che si possa studiare, prenotare, organizzare.

Ad esempio qualcuno potrebbe essere interessato a :

  • vedere una partita di calcio di una delle molte squadre londinesi
  • vedere i luoghi che hanno reso famosi i Beatles
  • vedere il Museo e le strade di “Jack lo Squartatore”
  • Assistere ad un Concerto alla Royal Albert Hall
  • Visitare Buckingham Palace o le Stalle Reali

PROGRAMMA

20 LUGLIO: Partenza da Milano Malpensa alle 12:20 (ritrovo 2 ore prima) con Easy Jet, quindi al Terminal 2. Arrivo a Londra dopo due ore e sistemazione in albergo. Nel Pomeriggio prima escursione in città con giro in auto delle principali location in modo da avere una visione della città.

Per tutto il periodo saremo alloggiati al Travelodge di Greenwich, la località del famoso meridiano da dove si parte per il calcolo dei fusi orari.

21 LUGLIO: Primo vera giornata di visita a Londra e alla sue principali attrazioni:

potremmo andare a Westminster e vedere la cattedrale all’interno e dall’esterno, facendo quattro passi il Parlamento, il Big Ben, Downing street e Trafalgar square, Saint James Park e Buckingham Palace.

Dopo pranzo visita al British Museum che al venerdì rimane aperto fino alle 20,30 e/o la visita alla eccezionale mostra Pink Floyd Exhibition al Victoria and Albert Museum ( costo 23 euro). E’ necessario acquistare il biglietto in precedenza costo euro 23 a persona.

22 LUGLIO: Il suggerimento dell’organizzazione che tutela la storia del “Portobello Marketè di andarci di sabato e quindi noi ci andremo in questa giornata. Ovviamente siamo vicini a Notthing Hill e quindi soddisferemo anche questa esigenza. Potremmo starci tutta la mattina e mangiare in loco.

Al pomeriggio potremmo organizzare una escursione in battello sul Tamigi.

Alla sera potremmo organizzare, per chi lo vuole, una puntatina ad uno degli spettacoli per cui Londra è famosa: suggerisco o “Il Fantasma dell’opera” o “Mamma Mia”. I prezzi partono dalle 80 sterline in su.

23 LUGLIO: La domenica potrebbe essere un ottima occasione per una gita fuori porta a Canterbury e Dover.

24 LUGLIO: Oggi potremmo visitare la Cattedrale di San Paolo ( la seconda del mondo dopo San Pietro), il Museo di Londra, il ponte dei Frati Neri – Blackfriars – e camminando lungo il Tamigi arrivare arrivare alla Torre di Londra e/o al Millennium Eye, magari facendoci un giretto sopra.

25 LUGLIO: Escursione fuori Londra e se la prima l’abbiamo fatta verso il sud e il mare, questa volta andiamo a nord visitando Cambridge e Oxford e se ce la facciamo anche Stratford on Avon, la città di Shakespeare.

26 LUGLIO: La giornata sarà dedicata a vedere cioè che non si è riuscito a vedere nei giorni precedenti e allo shopping. Il rientro in Italia è previsto per il pomeriggio e più precisamente partiremo da Gatwick alle 18:30 e arriveremo a Malpensa alle 21:30.

TARIFFE

2 COPPIE

3 COPPIE

4 COPPIE

€ 2750,00 per coppia

€ 2500,00 per coppia

€ 2300,00 per coppia

PRENOTA ORA!

I nostri sono sempre viaggi “personalizzati” cioè partono dall’esigenza di un individuo o di un gruppo di persone di recarsi in un luogo. Ci chiedono un’idea, un preventivo e delle soluzioni; noi le prepariamo, pubblicizziamo l’idea, aggreghiamo il gruppo e alla fine entriamo nei dettagli e rendiamo operativo il viaggio. I viaggi sono fatti per persone con disabilità e sono sempre pensati “a coppie”, cioè un disabile ed un accompagnatore. Se la persona disabile non ha l’accompagnatore noi lo troviamo – normalmente – a titolo gratuito. La persona disabile ha a suo carico la quota che è sempre calcolata per coppia. Questo non vuol dire che non si possano aggiungere persone senza disabilità, singole o a coppie.

I viaggi Concrete comprendono TUTTO!

Assistenza 24/24 H; trasporti, da veicoli accessibili e confortevoli a tratte aeree ed in nave; sistemazione in hotel; pasti a “la carte”.

” Che aspettate allora? Preparatevi a partire verso una vacanza unica! ”

Nota: I VIAGGI CONCRETE non comprendono ingressi a musei ed altre location, il visto d’ingresso nei paesi interessati – laddove necessario – e non comprende l’assicurazione per gli infortuni e per il rientro che è obbligatorio fare prima della partenza.

SULLE SPONDE DEL BALTICO

dal 27 maggio al 4 giugno 2017

9 giorni, 8 notti

Alla scoperta di una parte dell’Europa poco conosciuta ma bellissima, soprattutto in estate con lunghe giornate e clima mite. Visiteremo 3 nazioni in 9 giorni senza percorrere troppi chilometri: Lituania, Lettonia, Estonia. Conosceremo 4 importanti città: Vilnius, Riga, e Tallin. Entreremo in contatto con la cultura la baltica. Un Viaggio da non perdere!

Trovate la mappa del nostro itinerario qui

PROGRAMMA

27 MAGGIO: Partenza dall’aeroporto di Orio al Serio (BG) alle 12,40 e arrivo a Vilnius nel pomeriggio (16,10). 2 notti a Vilnius.

Hotel: Park Inn

28 MAGGIO: Visita alla città di Vilnius

29 MAGGIO: trasferimento a Riga e prima visita alla città. 2 notti a Riga

Hotel: Rixwell

30 MAGGIO:  Visita alla città di Riga

31 MAGGIO: Trasferimento a Tallin e prima visita alla città. 2 notti a Tallin.

Hotel: Tahetorni

1 GIUGNO: Escursione in traghetto a Helsinki ( Finlandia ) e visita alla capitale finlandese. In serata rientro a Tallin.

2 GIUGNO: Sulla via del ritorno pernottamento a Jurmala ( vicinanze di Riga). O in alternativa seconda giornata di visita a Tallin.

Hotel: SemaraH Hotel Lielupe SPA & Conferences

3 GIUGNO: Sulla via del ritorno con arrivo in serata a Vilnius. 1 notte a Vilnius.

Hotel: Grata

4 GIUGNO: partenza in serata da Vilnius per l’Italia alle 21,15 con arrivo a Orio al Serio (BG) alle 22,45

TARIFFE

2 COPPIE

3 COPPIE

4 COPPIE

€ 3200,00 per coppia

€ 2900,00 per coppia

€ 2750,00 per coppia

PRENOTA ORA!

I nostri sono sempre viaggi “personalizzati” cioè partono dall’esigenza di un individuo o di un gruppo di persone di recarsi in un luogo. Ci chiedono un’idea, un preventivo e delle soluzioni; noi le prepariamo, pubblicizziamo l’idea, aggreghiamo il gruppo e alla fine entriamo nei dettagli e rendiamo operativo il viaggio. I viaggi sono fatti per persone con disabilità e sono sempre pensati “a coppie”, cioè un disabile ed un accompagnatore. Se la persona disabile non ha l’accompagnatore noi lo troviamo – normalmente – a titolo gratuito. La persona disabile ha a suo carico la quota che è sempre calcolata per coppia. Questo non vuol dire che non si possano aggiungere persone senza disabilità, singole o a coppie.

I viaggi Concrete comprendono TUTTO!

Assistenza 24/24 H; trasporti, da veicoli accessibili e confortevoli a tratte aeree ed in nave; sistemazione in hotel; pasti a “la carte”.

” Che aspettate allora? Preparatevi a partire verso una vacanza unica! ”

Nota: I VIAGGI CONCRETE non comprendono ingressi a musei ed altre location, il visto d’ingresso nei paesi interessati – laddove necessario – e non comprende l’assicurazione per gli infortuni e per il rientro che è obbligatorio fare prima della partenza.