IL CONTRASSEGNO EUROPEO DIVENTA UNIFICATO

, , , , , , , , ,

IL CONTRASSEGNO EUROPEO DIVENTA UNIFICATO

Oggi nella nostra rubrica legata all’informazione, vogliamo parlare di un argomento che interessa una la categoria di persone disabili il famigerato Contrassegno europeo finalmente diventa unificato.

Il Contrassegno europeo classico è associabile alla funzione che agevola il parcheggio o sosta nella aree indicate dove può essere utilizzato o nei normali parcheggi a pagamento (quelli blu) esenta dal totale pagamento della sosta, come avviene normalmente per altri veicoli privi di questo pass.

Hanno diritto al contrassegno auto per invalidi tutti i cittadini invalidi agli arti superiori, i disabili psichici e, più in generale, le persone affette da patologie che precludono la mobilità in autonomia. Le domande di rilascio dei contrassegni per le persone con disabilità possono essere presentate: presso gli uffici preposti dei Municipi di appartenenza. presso la ASL di appartenenza, attraverso il medico legale che rilascia il certificato medico.

Le migliorie per questo genere di pass hanno trovato un ulteriore sviluppo solo di recente, dopo il seguente decreto che ha finalmente portato un notevole upgrade al suo utilizzo, dove prima si avevano ancora impedimenti di natura tecnica.

Con la definitiva adozione del Decreto Ministeriale Infrastrutture del 5 luglio 2021, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 agosto 2021,  è stato istituito il Registro Pubblico CUDE, una banca dati nazionale online che contiene tutte le informazioni relative al Contrassegno Unificato Disabili Europeo.

La caratteristica del Contrassegno Unificato Disabili Europeo è quella di consentire, alla persona con disabilità, di circolare dove normalmente agli altri utenti è vietato, su tutto il territorio dell’Unione Europea, non solo in Italia.

Il Cude è un documento digitale, che sostituisce quello cartaceo, introdotto nel 2012.

Quali sono le novità più rilevanti: innanzitutto la digitalizzazione; il D.P.R. N°151/2012 «Regolamento in materia di strutture, contrassegno e segnaletica per facilitare la mobilità delle persone invalide» pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 203 del 31-8-2012 aveva già introdotto il CUDE con il nuovo formato europeo del contrassegno.

Il D.M. del 5 luglio non ha fatto altro che seguire il regolamento del 2012 ed istituire il registro per raccogliere e comunicare i dati dei contrassegni in modo tale che, applicando un microchip elettronico sul contrassegno disabili, i dati potessero (possono) essere letti e controllati in tempo reale tramite un dispositivo collegato a detto registro.

Queste e altre informazioni le si possono trovare sul sito del Ministero dei Trasporti.

Cristian Belluzzo

Concrete Onlus

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.