Articoli

GLI EUROPEI DI CALCIO IERI E OGGI (1960-2021)

Gli europei di calcio, il massimo evento calcistico europeo che attrae milioni di tifosi da tutto il mondo.

Evento che vede partecipare le squadre più forti del continente europeo che si fronteggiano dalla fase a gironi e le successive fasi, gli ottavi, i quarti, semifinali e la tanto attesa finale, che andrà a sancire il campione d’Europa, la squadra sul tetto del mondo.  

Ripercorriamo alcuni passaggi storici importanti che hanno trasformato radicalmente il torneo, dalla sua nascita agli inizi anni 60, fino ad oggi.

Per comprendere al meglio la storia degli europei di calcio, dobbiamo partire un po prima della sua nascita ufficiale e andare indietro nel tempo fino al 1927, all’epoca esisteva la Coppa Internazionale, che ha visto susseguirsi cinque edizioni fino al 1960.

La prima coppa internazionale aveva delle differenze da quello che conosciamo oggi, le squadre partecipanti in origine erano sei: Austria, Cecoslovacchia, Ungheria, Italia, Svizzera, Jugoslavia.

L’Italia vinse ben due edizioni di questa coppa, affermandosi come la squadra europea più forte del periodo (1928-1960).

Nel 1954 si inizia a respirare un’aria di cambiamento radicale nel mondo del calcio europeo, significativo la nascita della UEFA (Union of European Football Associations), che porterà ad un rinnovo nella struttura della Coppa Internazionale, avvicinandosi di più al modello della Copa America e cambiando il suo nome in Campionato Europeo per Nazioni, è il 1960 inizia così una nuova era del calcio internazionale.

Uno dei maggiori promotori di questa rivoluzione è Henry Delaunay, segretario UEFA, che apporterà sostanziali modifiche, aprendo l’accesso al campionato a più nazioni, qualora queste avessero accettato l’invito.

La Germania e la Spagna hanno vinto tre volte l’Europeo. La nazionale francese ha alzato il trofeo per 2 volte mentre l’Italia solamente nel 1968 si è laureata campione d’Europa (insieme ad altre 6 nazionali).

Oggi possiamo assistere alla sedicesima edizione del campionato, UEFA Euro 2020. Tutti incollati al televisore e facciamo il tifo per la nostra nazionale.

FORZA AZZURRI!

Festa della Repubblica Italiana

E’ un giorno di festa legato profondamente alle origini del nostro paese, la società in cui viviamo oggi risale alla nascita della Repubblica Italiana, che avvenne esattamente il 2 giugno 1946, in seguito ai risultati del referendum istituzionale indetto quel giorno per determinare la forma di governo dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Scendendo nei dettagli, Il 2 giugno del 1946 si tenne un referendum istituzionale, tutti gli italiani con possibilità di voto si recarono alle urne per quello che sarebbe stato uno dei cambiamenti più epocali della storia del nostro paese. La scelta di voto prevedeva quale forma di stato si sarebbe dovuto applicare – monarchia o repubblica – . Il referendum fu indetto al termine della Seconda guerra mondiale, qualche anno dopo la caduta del fascismo, il regime dittatoriale che era stato sostenuto dalla famiglia reale italiana per più di 20 anni. I sostenitori della repubblica scelsero il simbolo dell’Italia turrita, personificazione nazionale dell’Italia, da utilizzare nella campagna elettorale e sulla scheda del referendum sulla forma istituzionale dello Stato, in contrapposizione allo stemma sabaudo che rappresentava invece la monarchia.

Dopo 85 anni di regno della dinastia dei Savoia (di cui 20 di dittatura fascista, conclusa durante la Seconda Guerra Mondiale), scelsero di far diventare l’Italia una Repubblica costituzionale, abolendo la monarchia.

La Festa della Repubblica è una giornata importante per la nostra storia e ricca di grandi iniziative e cerimonie ufficiali. Dal 1948, per esempio, in via dei Fori Imperiali, a Roma, si tiene una sfilata militare in onore della Repubblica, oggi si svolge in forma ridotta. 

Uno dei momenti più spettacolari della parata di oggi, rimane l’esibizione delle Frecce Tricolori: dieci aerei, di cui nove in formazione e uno solista, che compongono la pattuglia acrobatica più numerosa del mondo.

Tanti auguri Italia!

Come ogni anno Il 2 aprile si celebra la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo

Questa giornata molto importante è stata istituita recentemente, nel 2007 dall’Assemblea Generale dell’ONU.

Di cosa di tratta?, I disturbi dello spettro autistico (Autism Spectrum Disorders, ASD) sono un insieme eterogeneo di disturbi del neurosviluppo che comportano una interazione qualitativa minore nell’aspetto sociale e nella comunicazione, questo comporta anche atteggiamenti/modelli ripetitivi e nel comportamento dell’individuo, questo condiziona anche i suoi interessi e le attività di tutti i giorni.

la sintomologia può avere intensità e manifestazioni differenti in ogni individuo, questo comporta una strategia variabile nel tempo proprio per venire incontro al cambiamento dei bisogni e di sostegno.

Le statistiche nel mondo riportano che:

1 su 54 tra i bambini di 8 anni negli Stati Uniti,

1 su 160 in Danimarca e in Svezia,

1 su 86 in Gran Bretagna.

In Italia, 1 bambino su 7 (età 7-9 anni) presenta un disturbo dello spettro autistico.

L’obiettivo è quello di far luce su questa disabilità, promuovendo la ricerca e il miglioramento dei servizi e contrastando la discriminazione e l’isolamento di cui ancora sono vittime le persone autistiche e i loro familiari.

Le olimpiadi 2026, un baluardo per Milano (e l’Italia)

Il primo grande evento internazionale che interesserà l’Italia nei prossimi anni è sicuramente quello delle olimpiadi 2026 di Milano-Cortina che potrebbero un baluardo per uscire dall’inevitabile crisi post-coronavirus.

Perché l’incessante crescere di Milano degli ultimi anni, si arrestasse, c’è voluto il coronavirus. L’emergenza ha richiesto decisioni nell’immediato che hanno stravolto la vita e l’economia delle nostre città. È importante quindi pensare oggi ad una prospettiva di lungo periodo, una strategia che si deve sviluppare con le olimpiadi 2026 come traguardo finale, che al contempo segni l’inizio di un nuovo capitolo.

Le opere in programma per le Olimpiadi invernali sono tante e l’inizio dei lavori è previsto già per il 2021. C’è innanzitutto il Villaggio Olimpico che ospiterà gli atleti nell’attuale scalo ferroviario di Porta Romana, dove nelle scorse settimane sono iniziati i primi lavori di puliza e smantellamento dei vecchi binari e che in futuro sarà destinato a diventare un campus per studenti universitari. Strutture preesistenti come il Mediolanum Forum, l’Allianz Cloud e il Palasharp saranno rimodernate per poter ospitare le gare di diverse discipline e il PalaItalia dovrebbe fare da traino al progetto di rilancio del quartiere di Santa Giulia, nella vicina Rogoredo, divenuto negli ultimi anni un brutto simbolo per la città.

Non tutte queste opere sono estremamente necessarie per la città, ma potranno rappresentare una nuova immagine per Milano e un nuovo strumento di attrattività. Certo sono degli strumenti di riqualificazione che dovrebbero permettere nel breve e anche nel lungo periodo riqualificazione del quartiere, posti di lavoro e anche residenze per studenti o in housing sociale. Questa volta a differenza di quello che abbiamo visto con l’area di Expo2015 c’è già un progetto di riuso per il futuro e non si dovranno aspettare anni per capire quale sarà il futuro di queste opere.

Expo2015 ha rappresentato il salto di qualità, il cambiamento di Milano e con le Olimpiadi 2026, Milano potrebbe fare anche questa volta il grande passo, verso una nuova era, ricostruire tutto quanto è stato distrutto dal Covid-19.

È importante costruire questa opportunità di rilancio insieme, bisogna tralasciare i cosiddetti campanilismi e attuare una strategia comune, che possa portare ad inclusione, valorizzazione e che possa produrre effetti positivi per tutti gli attori in gioco, nessuno escluso.

La sfida per le olimpiadi è fondamentale vincerla, sarà, anzi deve essere obiettivo cardine per il rilancio di Milano e dell’Italia.

Articolo a cura di Edoardo Roncon Farina

Torna il festival delle associazioni di volontariato di Rozzano, edizione 2019.

Il 10, 13 e 14 settembre avrà luogo l’edizione 2019 del FESTIV.ALL, il festival delle associazioni di volontariato di Rozzano. Spettacoli teatrali, musica, attività ricreative e buon cibo ci accompagneranno nel corso di questi tre giorni.

PROGRAMMA:

Si parte martedì 10 settembre alle ore 20:00 presso la Cascina Grande di Rozzano, con uno spettacolo teatrale sul tema del bullismo, messo in scena da TEXTERE.

Venerdì 13 settembre alle ore 20:00 presso l’Oratorio Sant’Angelo MASCI e AGESCI porteranno in scena “Quel matto a Lampedusa”.

Sabato 14 il gran finale in Cascina Grande! A partire dalle 15:30 avrete una miriade di attività tra cui scegliere: una banda musicale, banchetti di artigianato locale, spettacoli di clowneria, truccabimbi ed una sfilata di moda, con la collaborazione della scuola superiore KANDINSKY.

Dalle 18:00 potrete assistere alle esibizioni dal vivo 45PM.IT e MELLOW YELLOW, gustandovi un aperitivo offerto dalla Cooperativa Il Balzo.
L’evento è organizzato da CAV – Coordinamento Associazioni Volontariato Rozzano, con il patrocinio del Comune di Rozzano.

Non mancate!