Tag Archivio per: Londra

LA CITTÀ CHE NON DORME MAI

dal 15 al 21 giugno 2018

7 giorni, 6 notti

Londra è la città più cosmopolita d’Europa, un tempo capitale del più vasto Impero mai esistito nella storia, oggi forse un po’ decadente ma di un fascino irresistibile.

Quello che trovate sotto è un programma di massima, perché i nostri viaggi sono sempre molto “elastici” e adattati alle esigenze dei singoli componenti del gruppo.

Facciamo notare come si potranno anche studiare partenze da località diverse con la possibilità che l’accompagnatore arrivi in loco per assistere la persona anche durante il tragitto aereo.

Se qualcuno avesse particolari interessi e località da visitare lo segnali in precedenza in modo che si possa studiare, prenotare, organizzare.

Ad esempio qualcuno potrebbe essere interessato a :

  • vedere una partita di calcio di una delle molte squadre londinesi
  • vedere i luoghi che hanno reso famosi i Beatles
  • vedere il Museo e le strade di “Jack lo Squartatore”
  • Assistere ad un Concerto alla Royal Albert Hall
  • Visitare Buckingham Palace o le Stalle Reali

PROGRAMMA

15 GIUGNO: Partenza da Milano Malpensa alle 12:20 (ritrovo 2 ore prima) con Easy Jet, quindi al Terminal 2. Arrivo a Londra dopo due ore e sistemazione in albergo. Nel Pomeriggio prima escursione in città con giro in auto delle principali location in modo da avere una visione della città.

Per tutto il periodo saremo alloggiati al Travelodge di Greenwich, la località del famoso meridiano da dove si parte per il calcolo dei fusi orari.

16 GIUGNO: Primo vera giornata di visita a Londra e alla sue principali attrazioni:

potremmo andare a Westminster e vedere la cattedrale all’interno e dall’esterno, facendo quattro passi il Parlamento, il Big Ben, Downing street e Trafalgar square, Saint James Park e Buckingham Palace.

Dopo pranzo visita al British Museum che al venerdì rimane aperto fino alle 20,30 e/o la visita alla eccezionale mostra Pink Floyd Exhibition al Victoria and Albert Museum ( costo 23 euro). E’ necessario acquistare il biglietto in precedenza costo euro 23 a persona.

17 GIUGNO: Il suggerimento dell’organizzazione che tutela la storia del “Portobello Marketè di andarci di sabato e quindi noi ci andremo in questa giornata. Ovviamente siamo vicini a Notthing Hill e quindi soddisferemo anche questa esigenza. Potremmo starci tutta la mattina e mangiare in loco.

Al pomeriggio potremmo organizzare una escursione in battello sul Tamigi.

Alla sera potremmo organizzare, per chi lo vuole, una puntatina ad uno degli spettacoli per cui Londra è famosa: suggerisco o “Il Fantasma dell’opera” o “Mamma Mia”. I prezzi partono dalle 80 sterline in su.

18 GIUGNO: La domenica potrebbe essere un ottima occasione per una gita fuori porta a Canterbury e Dover.

19 GIUGNO: Oggi potremmo visitare la Cattedrale di San Paolo ( la seconda del mondo dopo San Pietro), il Museo di Londra, il ponte dei Frati Neri – Blackfriars – e camminando lungo il Tamigi arrivare arrivare alla Torre di Londra e/o al Millennium Eye, magari facendoci un giretto sopra.

20 GIUGNO: Escursione fuori Londra e se la prima l’abbiamo fatta verso il sud e il mare, questa volta andiamo a nord visitando Cambridge e Oxford e se ce la facciamo anche Stratford on Avon, la città di Shakespeare.

21 GIUGNO: La giornata sarà dedicata a vedere cioè che non si è riuscito a vedere nei giorni precedenti e allo shopping. Il rientro in Italia è previsto per il pomeriggio e più precisamente partiremo da Gatwick alle 18:30 e arriveremo a Malpensa alle 21:30.

TARIFFE

2 COPPIE

3 COPPIE

4 COPPIE

€ 2750,00 per coppia

€ 2500,00 per coppia

€ 2300,00 per coppia

PRENOTA ORA!

I nostri sono sempre viaggi “personalizzati” cioè partono dall’esigenza di un individuo o di un gruppo di persone di recarsi in un luogo. Ci chiedono un’idea, un preventivo e delle soluzioni; noi le prepariamo, pubblicizziamo l’idea, aggreghiamo il gruppo e alla fine entriamo nei dettagli e rendiamo operativo il viaggio. I viaggi sono fatti per persone con disabilità e sono sempre pensati “a coppie”, cioè un disabile ed un accompagnatore. Se la persona disabile non ha l’accompagnatore noi lo troviamo – normalmente – a titolo gratuito. La persona disabile ha a suo carico la quota che è sempre calcolata per coppia. Questo non vuol dire che non si possano aggiungere persone senza disabilità, singole o a coppie.

I viaggi Concrete comprendono TUTTO!

Assistenza 24/24 H; trasporti, da veicoli accessibili e confortevoli a tratte aeree ed in nave; sistemazione in hotel; pasti a “la carte”.

” Che aspettate allora? Preparatevi a partire verso una vacanza unica! ”

Nota: I VIAGGI CONCRETE non comprendono ingressi a musei ed altre location, il visto d’ingresso nei paesi interessati – laddove necessario – e non comprende l’assicurazione per gli infortuni e per il rientro che è obbligatorio fare prima della partenza.

Attraverso la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, ratificata dal Parlamento Italiano con la Legge n.18/09, si promuove, protegge e garantisce il pieno ed uguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, e si promuove altresì il rispetto per la loro intrinseca dignità.
Siete d’accordo che la MOBILITÀ è una  libertà fondamentale?

Nelle nostre città e periferie italiane le persone con disabilità incontrano purtroppo ancora parecchi ostacoli che possono impedire di essere indipendenti o, senza esagerare, semplicemente semi-autonomi. Ecco i principali problemi che si incontrano.

Per molti disabili, sopratutto persone con gravi problemi fisici che vivono in periferia, dipendere da un familiare, un amico o un’ente preposto è un “MUST” per potersi spostare. Già dicendo ciò si può ben evidenziare il problema numero uno del doversi muovere: dipendere dalla disponibilità specifica di altre persone…

A questo punto una valida alternativa senza quasi alcun vincolo restrittivo di orario sono i servizi pubblici, in particolar modo nelle grandi città dove la rete dei mezzi si intensifica in numero e frequenza temporale; tuttavia prendiamo come esempio Roma per evidenziare la falla principale del servizio pubblico maggiormente riscontrato in Italia. L’art. 9 della legge n. 108/09 tratta dell’accessibilità. La capitale con più di 2 milioni di abitanti, prendiamo ad esempio, ospita solo 2 vere linee metropolitane per via della strutturistica della città e, in aggiunta a questa scarsità, non solo le stazioni che dispongono di accessibilità si possono contare sulla punta delle dita, ma addirittura spesso gli ascensori o sollevatori per accedervi sono in pessime condizioni o mal funzionanti così da impedire l’utilizzo dei mezzi.

 

Esistono dei servizi cosidetti complementari al servizio pubblico di linea ossia le categorie di TAXI e NCC. Questi hanno sì la facilità di poter raggiungere in breve tempo e comodità ogni destinazione richiesta, sebbene  gli utenti lamentino due grossi svantaggi: tariffe senza agevolazioni per disabili e un numero di veicoli accessibili ancora troppo basso rispetto alla domanda italiana sempre più in crescita.

 

In altre parti del Mondo, come ad esempio Germania e Regno Unito in Europa tra i primi, il concetto di veicolo non di linea pubblico o privato accessibile sta prendendo molto piede con grosse agevolazioni fiscali sia per l’utente inabile che per il fornitore del servizio che installa apposite modifiche sul proprio veicolo. A Londra i CABS neri con pedana per carrozzelle sono una realtà già ben nota da almeno 30 anni, mentre negli ultimi anni e l’adattamento alle APPs il servizio UBER ha lanciato il servizio WAV (wheelchair accessible vehicle).

E da noi? Quando potremo davvero trasformare la MOB-INABILITÀ in vera MOBILITÀ per tutti?

L’Italia ha intrapreso nell’ultimo decennio un percorso in crescita nel settore della mobilità accessibile e sostenibile dal bike sharing per paraplegici all’accesso ai voli aerei in sedia a rotelle, dalle stazioni ferroviarie sempre più piane alle APPs più innovative aperte a tutti.

Articolo a cura di Lucio Fontana

Per le persone disabili il Regno Unito è già uscito dall’Unione Europea con Brexit?

Ci viene di pensare di si.

Infatti il mese scorso siamo stati a Londra, avevamo 4 persone in carrozzina e ovviamente per parcheggiare abbiamo utilizzato il cartellino azzurro che finalmente dopo anni ha unificato il sistema di riconoscimento dei disabili quando viaggiano.

Abbiamo fatto le cose con scrupolo, abbiamo pagato quando c’era da pagare il parcheggio ma in due occasioni abbiamo preso la multa… La motivazione? Che il nostro contrassegno azzurro non era sufficiente ma che doveva essere corredato da un altro permesso, oppure che il permesso non era esposto in una maniera corretta. È stato esposto come si fa da noi con il lato che mostra il numero di autorizzazione e non il nome della persona titolare del contrassegno.

Ecco perché ci viene da pensare che il Regno Unito in materia di disabili abbia già messo in pratica la Brexit.

Purtroppo questa è una difficoltà in più che si aggiunge, per il Regno Unito, a quelle che i disabili hanno già da affrontare per poter viaggiare.

Non smettete di viaggiare, le barriere si superano, le difficoltà fortificano.

Articolo a cura di Claudio Fontana, socio fondatore.

Murale di Baksy, a Dover.

Londra, con il suo fascino da città in continua evoluzione, si riconferma una città accessibile quasi in ogni suo angolo. A qualche giorno dal nostro rientro, ecco le nostre impressioni.

Londra è una città enorme, nella quale edifici antichissimi (tra cui i pochi sopravvissuti al devastante incendio del 1666) si affastellano accanto ad edifici supermoderni e vertiginosi grattacieli in metallo e vetro, creando un contrasto affascinante.

Alloggiare nel centro della città non conviene quasi in nessun caso: si rischia di trovare solamente sistemazioni molto costose. Invece un buon consiglio è quello di scegliere un albergo nelle zone un po’ più esterne (ma pur sempre in città). Nel nostro caso ci siamo affidati ad un albergo della catena Travelodge, situato presso Greenwich, semplice e senza troppe pretese, ma di recente costruzione: avevamo già alloggiato presso la loro catena nei nostri viaggi precedenti ed abbiamo sempre trovato senza problemi camere ampie e con bagno attrezzato. Affidandoci ad un servizio di noleggio adiacente all’aeroporto abbiamo noleggiato un capiente pulmino da 9 posti, che si è rivelato la soluzione ottimale per muoversi in gruppo durante la nostra settimana di permanenza a Londra. Per chi decidesse di viaggiare da solo o in coppia consigliamo però di muoversi con il servizio Uber (molto diffuso a Londra) e UberWAW, servizio pensato specificatamente per i portatori di disabilità e più economico dei costosi taxi o cab. La famosa Underground, la metropolitana di Londra, purtroppo non si rivela sempre una soluzione praticabile: per quanto Londra sia una città davvero ben servita dai mezzi pubblici, le stazioni della metropolitana accessibili nel cuore storico della città si contano sulle dita di una mano (ma potete anche pensare di approfittarne per godervi una passeggiata nel centro storico). Per quanto riguarda le zone periferiche, invece, dove le stazioni sono di costruzione più moderna, è possibile trovare ascensori e rampe per accedervi agevolmente. I famosi autobus rossi su due piani sono tutti dotati di rampa automatizzata, ma preparatevi ad uscire molto presto dall’albergo se non volete arrivare troppo tardi alla vostra destinazione nel centro della città, perché purtroppo il traffico è quasi sempre congestionato.

Anche trovare parcheggio è spesso difficoltoso, pur avendo un contrassegno, perché sono moltissime le zone in cui i parcheggi sono riservati esclusivamente ai residenti e quelli riservati ai disabili sono spesso già occupati. Attenti a non sgarrare, perché i vigili sembrano avere la multa facile! Nel caso, prendete in considerazione l’idea di spendere qualche sterlina per uno dei vari parcheggi coperti a pagamento che si trovano sparsi per la città.

L’accesso a buona parte dei monumenti e degli edifici storici (esclusi quelli di costruzione più antica, come la Torre di Londra, che risalendo al periodo medioevale comprende molti passaggi stretti e scale ripide) è garantita e gestita da rampe ed ascensori e da uno staff ben preparato e molto gentile a vostra disposizione. L’Abbazia di Westminister ci ha garantito l’entrata gratuita sia per i portatori di disabilità che per i loro accompagnatori (altrimenti il biglietto sarebbe stato abbastanza costoso), anche se ogni tanto, qualche passaggio stretto unito alla scarsa attenzione degli altri turisti ci ha reso leggermente difficoltoso passare in alcuni punti. Per la monumentale Basilica di San Paolo il biglietto era da pagare, ma ci ha garantito un ottimo servizio, tra cui dei badge elettronici che ci hanno permesso di accedere ad un ascensore dedicato. Un montascale ha garantito di poter superare i pochi gradini per accedere anche alla zona rialzata del coro.

Un piccolo discorso a parte va per il British Museum: splendido e ben curato, ma purtroppo, sempre a causa della maleducazione degli altri turisti, un po’ più difficoltoso da visitare. L’ingresso accessibile con rampe si trova sul retro del museo (mentre sul lato anteriore sono presenti due montascale), dove la sicurezza ci ha fatto gentilmente superare la lunga fila, ma per accedere al salone centrale del museo è necessario fare una rampa di qualche scalino. Sono presenti in diversi punti strategici del museo alcuni ascensori a disposizione di chi avesse difficoltà a fare le scale, ma, non essendo presente nessuno che garantisca restrizioni al suo utilizzo, li abbiamo spesso trovati pieni di turisti stranieri perfettamente in grado di camminare, il che ci ha portato ad attese anche di diversi minuti prima di poter accedere al salone principale ed ai piani superiori.

Passeggiare per la città e lungo il Tamigi è stato molto piacevole, le rampe sono presenti su ogni marciapiede, ma spesso gli autisti dei taxi non si fermano alle strisce per permettere l’attraversamento. Inoltre, i cantieri aperti un po’ ovunque, rendono macchinosi (ma sempre superabili) i passaggi in alcuni punti. Abbiamo trovato un ambiente accogliente in tutti i pub ed i locali in cui ci siamo fermati a mangiare. Buona parte sono dotati anche di servizi igienici accessibili, fatta esclusione per i pub storici e più antichi, che sono tradizionalmente divisi su più piani e spesso quello dedicato al servizio di ristorazione è quello superiore.

La nostra unica gita fuori porta ci ha portato fino alla storica Abbazia di Canterbury, ma purtroppo, essendo domenica, non ci è stato possibile visitare l’abbazia stessa, a causa delle celebrazioni, mentre abbiamo potuto visitare la cripta ed il cortile. Purtroppo, essendo Canterbury una cittadina medioevale, il fondo stradale è caratterizzato da acciottolato: bello a vedersi, ma estremamente scomodo per chi si muove su una carrozzina. Se intendete visitare le bianche scogliere di Dover, vi consigliamo di recarvi là con una carrozzina elettrica (o con un accompagnatore pronto ad affrontare una bella sfida), poiché c’è una salita bella ripida da affrontare su un sentiero sterrato. Ma per la vista mozzafiato con la quale si verrà ricompensati una volta in cima, ne vale tutta la pena!

Un ultimo consiglio che possiamo darvi riguarda il tempo atmosferico. Nonostante fosse estate, il clima è stato abbastanza impietoso con noi, regalandoci un solo vero giorno di sole pieno. Per il resto preparatevi al proverbiale tempo di Londra, ovvero cielo coperto con occasionali scrosci di pioggia, seguita da vento gelido. Il consiglio che possiamo darvi è di viaggiare sempre con una felpa ed un k-way a portata di mano, pronti ad infilarselo al volo alla prima goccia di pioggia (e a toglierselo quando tornerà il sole, che è parecchio caldo d’estate.

Articolo a cura di Luisa Cresti. Foto scattate da Luisa, Sara, Francesca e Claudio.

 

LA CITTÀ CHE NON DORME MAI

dal 20 al 26 luglio 2017

7 giorni, 6 notti

Londra è la città più cosmopolita d’Europa, un tempo capitale del più vasto Impero mai esistito nella storia, oggi forse un po’ decadente ma di un fascino irresistibile.

Quello che trovate sotto è un programma di massima, perché i nostri viaggi sono sempre molto “elastici” e adattati alle esigenze dei singoli componenti del gruppo.

Facciamo notare come si potranno anche studiare partenze da località diverse con la possibilità che l’accompagnatore arrivi in loco per assistere la persona anche durante il tragitto aereo.

Se qualcuno avesse particolari interessi e località da visitare lo segnali in precedenza in modo che si possa studiare, prenotare, organizzare.

Ad esempio qualcuno potrebbe essere interessato a :

  • vedere una partita di calcio di una delle molte squadre londinesi
  • vedere i luoghi che hanno reso famosi i Beatles
  • vedere il Museo e le strade di “Jack lo Squartatore”
  • Assistere ad un Concerto alla Royal Albert Hall
  • Visitare Buckingham Palace o le Stalle Reali

PROGRAMMA

20 LUGLIO: Partenza da Milano Malpensa alle 12:20 (ritrovo 2 ore prima) con Easy Jet, quindi al Terminal 2. Arrivo a Londra dopo due ore e sistemazione in albergo. Nel Pomeriggio prima escursione in città con giro in auto delle principali location in modo da avere una visione della città.

Per tutto il periodo saremo alloggiati al Travelodge di Greenwich, la località del famoso meridiano da dove si parte per il calcolo dei fusi orari.

21 LUGLIO: Primo vera giornata di visita a Londra e alla sue principali attrazioni:

potremmo andare a Westminster e vedere la cattedrale all’interno e dall’esterno, facendo quattro passi il Parlamento, il Big Ben, Downing street e Trafalgar square, Saint James Park e Buckingham Palace.

Dopo pranzo visita al British Museum che al venerdì rimane aperto fino alle 20,30 e/o la visita alla eccezionale mostra Pink Floyd Exhibition al Victoria and Albert Museum ( costo 23 euro). E’ necessario acquistare il biglietto in precedenza costo euro 23 a persona.

22 LUGLIO: Il suggerimento dell’organizzazione che tutela la storia del “Portobello Marketè di andarci di sabato e quindi noi ci andremo in questa giornata. Ovviamente siamo vicini a Notthing Hill e quindi soddisferemo anche questa esigenza. Potremmo starci tutta la mattina e mangiare in loco.

Al pomeriggio potremmo organizzare una escursione in battello sul Tamigi.

Alla sera potremmo organizzare, per chi lo vuole, una puntatina ad uno degli spettacoli per cui Londra è famosa: suggerisco o “Il Fantasma dell’opera” o “Mamma Mia”. I prezzi partono dalle 80 sterline in su.

23 LUGLIO: La domenica potrebbe essere un ottima occasione per una gita fuori porta a Canterbury e Dover.

24 LUGLIO: Oggi potremmo visitare la Cattedrale di San Paolo ( la seconda del mondo dopo San Pietro), il Museo di Londra, il ponte dei Frati Neri – Blackfriars – e camminando lungo il Tamigi arrivare arrivare alla Torre di Londra e/o al Millennium Eye, magari facendoci un giretto sopra.

25 LUGLIO: Escursione fuori Londra e se la prima l’abbiamo fatta verso il sud e il mare, questa volta andiamo a nord visitando Cambridge e Oxford e se ce la facciamo anche Stratford on Avon, la città di Shakespeare.

26 LUGLIO: La giornata sarà dedicata a vedere cioè che non si è riuscito a vedere nei giorni precedenti e allo shopping. Il rientro in Italia è previsto per il pomeriggio e più precisamente partiremo da Gatwick alle 18:30 e arriveremo a Malpensa alle 21:30.

TARIFFE

2 COPPIE

3 COPPIE

4 COPPIE

€ 2750,00 per coppia

€ 2500,00 per coppia

€ 2300,00 per coppia

PRENOTA ORA!

I nostri sono sempre viaggi “personalizzati” cioè partono dall’esigenza di un individuo o di un gruppo di persone di recarsi in un luogo. Ci chiedono un’idea, un preventivo e delle soluzioni; noi le prepariamo, pubblicizziamo l’idea, aggreghiamo il gruppo e alla fine entriamo nei dettagli e rendiamo operativo il viaggio. I viaggi sono fatti per persone con disabilità e sono sempre pensati “a coppie”, cioè un disabile ed un accompagnatore. Se la persona disabile non ha l’accompagnatore noi lo troviamo – normalmente – a titolo gratuito. La persona disabile ha a suo carico la quota che è sempre calcolata per coppia. Questo non vuol dire che non si possano aggiungere persone senza disabilità, singole o a coppie.

I viaggi Concrete comprendono TUTTO!

Assistenza 24/24 H; trasporti, da veicoli accessibili e confortevoli a tratte aeree ed in nave; sistemazione in hotel; pasti a “la carte”.

” Che aspettate allora? Preparatevi a partire verso una vacanza unica! ”

Nota: I VIAGGI CONCRETE non comprendono ingressi a musei ed altre location, il visto d’ingresso nei paesi interessati – laddove necessario – e non comprende l’assicurazione per gli infortuni e per il rientro che è obbligatorio fare prima della partenza.