Tag Archivio per: progetti

Progetto ads regionale – area sud milano

Rozzano 15 marzo 2022

Grazie all’attivazione dei contatti che abbiamo con Ledha milanese , in questi ultimi 10 anni abbiamo attivato collaborazioni con realtà significative, sul territorio della città metropolitana per far si che Rozzano e il visconteo potessero anche loro far parte di una rete più ampia e stimolante per la qualità dei progetti di vita delle nostre persone fragili .

Abbiamo facilitato contatti con fondazione idea vita, con il laboratorio dell’abitare, ora progetto mescolanza, con Ledha regionale e milanese, con Caritas Ambrosiana.

Tutto ciò ci ha portato alla situazione odierna che ha permesso nel quadro della collaborazione tra Ageha e Il Balzo di creare un embrione di sistema casa che vede 7 posti casa in appartamenti e 15 posti casa in card ( residenze da 5 persone ) ( 2 ° documento l’abitare diffuso ) .

Ora questo embrione di progetto andrà modellizzato per renderlo efficace ed efficiente  su tre direttive :

  • Gli Inquilini
  • Gli Operatori
  • Le Case

Nella fase embrionale abbiamo letto in maniera settoriale questi tre target , ora dobbiamo metterli a sistema perchè è impossibile continuare a lavorare a compartimenti stagni anche perchè ogni azione che mettiamo in atto su uno dei target ha ricadute organizzate ed economiche sugli altri .

Tralascio qui la riflessione sulla tematica delle persone disabili anche con problematiche motorie di cui allego un documento specifico inviato a ledha .

GLI INQUILINI

Dobbiamo lavorare per la rilevazione della domanda casa delle persone fragili per poter sviluppare  abbinamenti possibili ,anche alla luce della nuova area di lavoro sull’immigrazione

Dobbiamo sviluppare ipotesi di lavoro che comprendano anche il target degli studenti lavoratori in cerca di alloggio , compatibili con i nostri inquilini per offrire un servizio aggiuntivo e abbattere i costi

Dobbiamo lavorare per mettere a fuoco i progetti di vita degli inquilini e valutare con loro se l’ipotesi in essere percorribile per il loro benessere e se vi è sostenibilità economica

Il dato empirico che abbiamo rilevato sulla città metropolitana e anche a rozzano è che tre inquilini è il minimo per raggiungere un equilibrio economico

GLI OPERATORI

Per la gestione dei 22 posti casa sul territorio di Rozzano abbiamo operatori dedicati ad ogni singola casa : le tre card, i 4 appartamenti

Questa modalità crea scarsa efficacia ed efficienza oltreché aggravio dei costi

Dobbiamo ragionare come mettere a regime  il personale non su ogni singola casa ma sul sistema case .

Rimane da rianalizzare nel dettaglio l’inquadramento contrattuale di parte di questi lavoratori per garantire loro un giusto salario ma con un occhio attento ai costi da gestire .

Continuo a pensare che l’assunzione diretta del personale da parte dei beneficiari dei servizi sia deleteria sotto vari punti di vista :organizzativo-economico-psicologico

Inoltre è necessario sviluppare una formazione specifica e un sostegno  per questo personale che necessita di vicinanza ,ascolto e rivalutazione del loro status -ruolo ( sentirsi importanti per il ruolo agito ) .

Il fenomeno dell’affaticamento di questo personale e del desiderio di cambiare ambiente di lavoro va preso  seriamente in considerazione dalla rete e non sottovalutato, individuando vie di fuga possibili .

LE CASE

Abbiamo richiesto al comune di farsi mentore verso Aler per un accordo che preveda di ottenere appartamenti più grandi a fronte di restituzione di appartamenti più piccoli non idonei ai progetti di vita di alcuni soggetti che abbiamo o avremo in carico .

Per fare tutto ciò è necessario prevedere un gruppo di lavoro che trasformi queste riflessioni  in progetti di breve, medio e lungo periodo e che possa mettere a fuoco al meglio le tematiche condivise

Guido de Vecchi

Ageha associazione di comunità

Rete di Ledha Milano

Progetto ads regionale

Creare le migliori condizioni possibili perché un figlio viva sereno anche dopo di noi è il più grande atto d’amore che possiamo compiere come genitori. Questo vale ancora di più se i nostri figli hanno delle disabilità. Perché contare su un sostegno concreto, per loro, diventa una necessità reale.

DOPO DI NOI è la soluzione assicurativa di Cattolica Assicurazioni che assiste le persone con disabilità una volta rimaste sole.

È un modo per assicurare il loro futuro.

La polizza è rivolta a chi vuole accumulare un capitale per il sostegno della persona con disabilità quando non potrà più stargli vicino.

L’OBIETTIVO È CONCRETO.

Per sottoscrivere DOPO DI NOI, l’assicurato deve avere un’età compresa tra 18 e 80 anni e un rapporto di parentela (entro il quarto grado), di affinità (entro il secondo grado) o il ruolo di tutore/curatore nei confronti di una persona affetta da Autismo, Sindrome di Down o altre forme di disabilità, come definite dall’art.3 comma 1 della legge 104/92 (minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione).

Per dare certezze al futuro della persona con disabilità.

DOPO DI NOI è un piano di accumulo del risparmio a vita intera a premio unico ricorrente (minimo 1.200 euro annui), con la possibilità in qualsiasi momento di fare versamenti aggiuntivi, a partire da 500 euro. Si può scegliere anche la durata dei pagamenti dei premi, tra 10 e 30 anni. E dal secondo anno è possibile riscattare totalmente o parzialmente quanto accumulato. I risparmi vengono investiti nella Gestione Separata Ri.Spe.Vi., che protegge il capitale accantonato e ne garantisce il consolidamento dei risultati nel tempo. I risparmi accumulati sono annualmente rivalutati e garantiti al 100%: il capitale può solo crescere e mai diminuire.

I versamenti sono fessibili, il capitale è sempre protetto.

Il beneficiario potrà disporre del capitale in un’unica soluzioneo attraverso l’erogazione di una rendita vitalizia mensile, trimestrale, semestrale o annuale, rivalutabile annualmente e calcolata in funzione del tipo di disabilità e dell’età della persona con disabilità.

Non solo “dopo”, la polizza protegge anche “durante”. Infatti, nel caso
in cui l’assicurato subisca un grave evento, DOPO DI NOI sostiene da subito, concretamente, le necessità della persona con disabilità. Sono due le garanzie, tra loro alternative, che corrispondono ai beneficiari un capitale aggiuntivo in caso di decesso o di sopravvenuta malattia organica o infortunio che abbia come conseguenza un’invalidità totale e permanente dell’assicurato di grado pari o superiore al 66%.

SCARICA LA BROCHURE INFORMATIVA:

Due garanzie ulteriori, per una protezione totale.


Per ottenere maggiori informazioni sulla polizza DOPO DI NOI, telefonate a questo numero:

Alessandro Tusa – Consulente Assicurativo:  3345359376

Tecnologia e disabilità GIUGNO 2021

Cari lettori, bentornati nella rubrica tecnologia e disabilità

Mi sono già presentato in precedenza, sono Cristian un ragazzo disabili che da diversi mesi lavora a stretto contatto con Concrete Onlus.

Come persona disabile ho sempre avuto difficoltà a scrivere sotto dettatura, per questioni legate ai miei tempi e sopratutto alle mia mobilità. Questo problema risale ai tempi delle scuole elementari, ricordo che all’epoca trovai aiuto e conforto nel figlio di una delle mie insegnanti, che frequentava la mia stessa classe. Ricordo che si dedicò con molta pazienza ad insegnarmi le basi della scrittura su tastiera, grazie al suo prezioso aiuto e l’allenamento che portai avanti negli anni, oggi posso affermare di avere raggiunto una notevole dimestichezza con questo strumento, che è di vitale importanza per la mia comunicazione con il mondo esterno.

L’esperienza formativa delle scuole elementari ha fatto nascere un amicizia con il figlio della mia professoressa che tutt’oggi porto avanti, ha fatto nascere anche una passione che ancora oggi mi infuoca, la passione verso il settore informatico. Le mie prime esperienze da amatore dell’informativa risalgono a quanto avevo 10/13 anni, ricordo con piacere la mia prima esperienza di sostituzione componenti Hardware, l’esperienza di maneggiare un vecchio 486, Anche se le mie prime esperienze risalgono al maneggiare un commodore 16 per poi passare finalmente ho il Commodore 64, che usavo anche per giocare e per scrivere semplici formati testuali.

Per poi passare al mio primo PC che funzionava con MS DOS sistema operativo antenato di Windows (Molto diverso da quello che siamo abituati ad utilizzare oggi). Come un bambino in un negozio di caramelle, la mia passione aumentava giorno dopo giorno, la mia voglia di imparare imparare cose nuove ed esplorare un mondo pieno di potenzialità. Sono passati più di 30 anni, ancora oggi questa passione è viva dentro di me.

Oggi le mie attenzioni si sono concentrate principalmente sull’utilizzo di internet, la navigazione, il contenuto, la realizzazione di semplici progetti web, ad oggi sono nel pieno processo formativo e creativo, sono molto motivato e consapevole che si tratta di una formazione continua. Chi si ferma in questo settore è perso.

Da inizio 2021 lavoro ufficialmente per la Cooperativa concrete Onlus, che mi ha permesso di sperimentare il funzionamento del mondo del lavoro e di iniziare un nuovo percorso di crescita professionale.

I miei progetti lavorativi per il futuro prevedono:

  • La realizzazione di un piccolo server casalingo per la gestione di dati e progetti a questo collegati, il progetto futuro sarà quello di estenderlo su una scala maggiore e proporlo all’interno dell’azienda per un aggiornamento iniziale del reparto archivio digitale.
  • Avanzamento nelle conoscenze informatiche relative alla realizzazione di siti web per accrescere il mio livello, nuovi linguaggi di Market e di programmazione.
  • Diventare una risorsa indispensabile all’interno dell’azienda e poter acquisire competenze professionali così da potermi vendere al meglio sul mercato del lavoro.

Spero di riuscire a trasmettere le mie ambizioni future, Sperando di essere di ispirazioni a persone che vivono in condizioni simili alle mia e che magari pensano di non poter riuscire a realizzarsi nella vita. Tutto è possibile, basta crederci!.

Cristian Belluzzo

Materiali

Noi educatori del Balzo siamo sempre in ascolto: dal confronto con i genitori, le istituzioni, la scuola, gli amici e chiunque ci giri intorno nascono sempre nuove idee e progetti davvero utili.

Desideriamo che tutti abbiano accesso gratuito e rapido a strumenti utili alla relazione e comunicazione con i bambini e i ragazzi.

Questi strumenti li trovi qui:

Questa pagina è in continuo aggiornamento!

Se hai altri temi da suggerirci, scrivi a: citofonare.balzo@ilbalzo.com oppure inviaci un messaggio tramite instagram o facebook!

Siamo abituati a eventi di grande importanza mediatica che si ricorrono e rincorrono da molti anni, come per esempio la notte degli Oscar o dei Golden globe, dove si premiano film e attori, grandi festival musicali che premiano cantanti e le loro canzoni, ogni anno si premiano città che rappresentano al meglio la cultura del paese, e molte altre competizioni come nello sport.

Ma da dieci anni a questa parte, esattamente il 10 maggio 2010 viene organizzato il premio europeo delle città accessibili, assegnato dalla Commissione europea. L’obbiettivo che sta alla base del progetto vuole prima di ogni altra cosa portare una rivoluzione e avanzamento rendendo le città di tutta Europa sempre più accessibili, con un pizzico di competizione che sicuramente crea un incentivo maggiore nel migliorarsi, trattandosi di una competizione in palio ci sono dei fondi destinati alla città vincitrice e naturalmente la menzione d’onore.

Quando possiamo parlare di una città accessibile?, sicuramente ci sono molti fattori che la contraddistinguono. la Commissione europea ha tutto un suo calcolo e parametri per poter sancire il vincitore, fondamentalmente i fattori principali si possono riassumere con quanto segue.

Una città è accessibile quanto
tutti possono facilmente:
• prendere l’autobus o la metropolitana
per andare al lavoro;
• utilizzare le biglietterie automatiche per
acquistare il biglietto;
• muoversi in strada ed entrare negli edifici pubblici;
• ottenere informazioni in un linguaggio comprensibile

E molto altro…

Per maggiori inforazioni sull’iniziativa e sul suo funzionamento nel dettaglio, per visionare lo storico dei vincitori degli anni passati, ma soprattutto di quest’anno, vi lasciamo al sito ufficiale:

https://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=1141